Perché anche una scheggia di distanza tra noi è esasperante.

Veronica Roth